La farfalla addosso

Arriva l’estate: idratazione, cibo in spiaggia e attività sportiva
Giugno 4, 2021
Ottobre è il mese della prevenzione del cancro al seno e dei tumori femminili
Settembre 3, 2021

Nel piccolo spazio davanti al nostro collo è adagiata una piccola ghiandola a forma di farfalla formata da due lobi laterali e un istmo centrale : piccola ma molto importante, perchè governa tante funzioni del nostro organismo.
Produce infatti gli ormoni tiroidei, denominati FT3 ed FT4, che vanno ad agire su vari organi bersaglio: modulano il metabolismo basale le cui alterazioni possono portare ad un aumento o ad una perdita eccessiva di peso; agiscono sulla sintesi delle proteine (muscoli), sulla crescita delle ossa lunghe con ripercussioni sulla statura, se mancanti o deficitari.

Regolano la termoregolazione corporea, cioè la capacità di adattamento al caldo e al freddo e la sensibilità alle catecolamine; es. adrenalina, che permette di rispondere allo stress.

In gravidanza regola lo sviluppo del nascituro. La tiroide è facilmente “visitabile” con la palpazione e l’esame ecografico che in tempo reale ci forniscono indicazioni sulla morfologia della ghiandola, inoltre se vi è il sospetto di una iperfunzione si esegue la scintigrafia iniettando un mezzo di contrasto in vena.

Per sapere se la tiroide funziona bene, si dosa il TSH che è un ormone prodotto dall’ipofisi che va a stimolare la ghiandola: se la tiroide funziona troppo si ha un IPERTIROIDISMO e il valore di TSH sarà basso (poichè vi è un feedback negativo con gli ormoni prodotti dalla ghiandola); se invece funziona poco si ha un IPOTIROIDISMO e il valore di TSH sarà elevato.

La tiroide può essere colpita da infiammazioni sostenute da virus, chiamate TIROIDITI, che sono transitorie, oppure, per un meccanismo autoimmune per cui l organismo produce anticorpi verso sè stesso, abbiamo le TIROIDITI AUTOIMMUNI, che sono croniche ma rispondono bene alla terapia sostitutiva.

Inoltre può essere sede di NEOFORMAZIONI BENIGNE quali gli adenomi iperfunzionanti (morbo di PLUMMER) o MALIGNE. La diagnosi si fa in ambulatorio facendo una analisi delle cellule aspirate mediante un ago sottile. La terapia, se vi sono cellule maligne, è chirurgica ed è solitamente è risolutiva; si completa spesso con una seduta di TERAPIA RADIOMETABOLICA che consiste nella assunzione di iodio radioattivo in ambiente protetto. Questa terapia assicura la completa estirpazione di eventuali cellule rimaste.
Per mantenere la nostra tiroide in salute e capire se funziona bene si consiglia di:

  • Usare sempre il sale iodato
  • Fare almeno un controllo ed una ecografia più gli esami di laboratorio ,soprattutto se vi sono già casi di patologie tiroidee in famiglia ,oppure se si hanno sintomi quali forte stanchezza o aumento di peso o calo ponderale con tachicardia o alterazioni del ciclo mestruale
  • Dopo una gravidanza ripetere gli esami per la tiroide poichè esiste anche una TIROIDITE POSTPARTUM

    Avvicinandosi l’estate mi fa piacere salutarvi dicendovi che la tiroide trarrà beneficio dallo iodio presente nell’aria marittima , dovranno invece fare attenzione le persone che soffrono di ipertiroidismo.

    Buona Estate!

Dr.ssa Giovanna Calzolari

Endocrinologa
Collabora col Poliambulatorio Noi con te