Giornata mondiale dell’udito 2022

Antibiotici: un’arma spuntata?
Febbraio 18, 2022
Endometriosi: una malattia che interessa 3 milioni di donne italiane
Marzo 28, 2022

Ogni anno il 3 marzo si celebra il #WORLDHEARINGDAY, la GIORNATA MONDIALE DELL’UDITO, per richiamare l’attenzione sull’importanza di cura, preservazione e riabilitazione dell’udito.

Secondo i dati dell’OMS in Italia sono circa 7 milioni le persone con problemi di udito. L’ipoacusia nel nostro Paese riguarda circa una persona su tre (tra gli over 65), di cui più della metà non ha mai eseguito un #esame #audiometrico di screening. L’ipoacusia grave non trattata porta spesso ad un isolamento sociale correlato e ad un invecchiamento cerebrale precoce. Ai primi segni di calo della soglia uditiva è quindi opportuno eseguire una visita otorinolaringoiatrica che escluda patologie organiche potenzialmente responsabili del calo uditivo. Successivamente si procede ad eseguire un esame dell’udito per fornire allo specialista un dato oggettivo per consigliare il paziente sul miglior approccio riabilitativo.

Un’ultima nota a margine sulle protesi acustiche: sempre secondo i dati OMS solo il 25% di coloro che potrebbero averne beneficio usa l’apparecchio acustico, nonostante l’87% di chi ne fa uso dichiari migliorata la propria qualità di vita. Si evince come la protesi acustica rappresenti uno strumento valido ed efficiente capace di migliorare la qualità di vita personale e sociale del paziente che la utilizza.

Dr Claudio Melchiorri – Specialista Otorinolaringoiatra